2017-02-20 – T.A.R.O.T Italy (Review)

Originally published at The Astounding Routine Of Touring:
http://www.theastoundingroutineoftouring.com/ben-craven-last-chance-to-hear/

Translation by Google:

HAMMOND ME UP, SCOTTY

Last Chance To Hear
Ben Craven
Progressive
29 3 2016
CD
Australia
TuneLeak DC1011 records
46:12

 

The back to the future of Ben Craven , Brisbane Australian who calls himself “progressive rock singer-author cinematic”. And very capable guitarist, omits. Back to the future because we are in the presence of the classic – though infrequent – the case of those who interpret the progressive rock with an approach if you want to overcome, but with a passion – overflowing true love for the genre – so sincere as to leave stunned, excite and therefore give way to close one eye but not both: if you prefer – as I do – that a definition – the musical labeling misfortune – lends itself to possible future upgrade, as it was the release of a software.

I admit that at first glance the graphic work behind the name, that Ben Craven so personalized that appears on the covers, designed by Roger Dean , activates the alarm. Because it’s like the coat of arms of belonging to a family. A declaration of intent which fortunately stops, and offers another perspective, not just passed the drawbridge that opens up wider horizons than those strictly related to the Yes – the references are not lacking – and progressive work-related done by Dean for bands like Badger, Asia, Greenslade, Osibisa, etc.
Put simply, Ben Craven prepares surprises that go beyond the names that is tied hand in glove illustrator and eternal seam.

There’s that “cinematic”, above all, that fits in a decisive way and enriches the scenario. To confer on Last Chance To Hear  just the strength of the best soundtracks. One way of making music that is mistakenly considered by lower division. But in the case of the best examples not only serves to amplify the power of images, but it works independently, perpetuating the icons and triggering new visions.

To substantiate the thesis just point your finger on the middle piece and the fulcrum of the entire work, Spy In The Sky Pt.3 , baptized so flawless because it has the flavor of the main theme that could accompany a Space Opera worthy of the first 3 episodes of Wars stellar , with a little variation, however, James Bond as a co-pilot of the Millennium Falcon instead of Chewbacca.
Strength and elegance on the same seat, alongside Han Solo. Over 8 minutes to transmit a sense of fulfillment, mixed with pure fun ecstasy, which can offer a trilogy like that of George Lucas for each episode, for those who can rarely handed down for generations. But in music.
What’s more the repeated sense of enjoyment that offer the notes and the structure of the song, solar cosmically, orchestral ipertroficamente, with a melody to be sent in raptures crossed by a myriad of only the same level, the voice – the seal that lends to make the song and the entire hard as ever kinematically by Oscar – is that of William “Captain Kirk” Shatner: naked, raw, deep, sometimes outrageous like a beatnik adrift in space that cares about the fate that It awaits him and continues to recite verses beat in the background of the sky dotted with billions of stars.
Best surprise Ben Craven could not figure out, if he thought of making a gift to the generation of those grown in milk rolls with butter and jam in the afternoon, Star Trek – the original, Aldo would say “Captain Trial” Biscardi – late at night on improbable TV channels, and disks embellished by the art of Roger Dean and above all others. In three of the different life stages, hopefully.

There would be no need to say more. A song that is worth the price of admission. But for St. Thomas who do not trust, that is not enough to know only one piece – that could be the new Starship Trooper , although the current Yes not be able to write something like even padded Ovaltine, to remain in a ‘doping ‘Nostalgia (Twilight) Zone – what about the rest of Last Chance to Hear ? That Spy In The Sky Pt. 2 , together with the electro-acoustic melodiousness of   Spy In The Sky Pt. 1 , and already incensed  Spy In The Sky Pt .3 , accumulates a playing time – and quality – worthy of a suite that over years of vinyl gold was enough to cover an entire facade of those discs that forty years later, still, listening with pleasure and affection.

That Last Chance To Hear Pt. 1 is an opening from colossal and Last Chance To Hear Pt. 2 engages first gear with the emotional delicacy of Ripples of Genesis and warmed the engine launches into a frantic race reminiscent of the Porcupine Tree driven by a turbo engine. That Critical Mass Pt. 1 and Critical Mass Pt. 2 is a film within a film, or a sound track on the soundtrack, which refers to episodes kinematic Steve Hackett ( Clocks , Slogans , The Air-Conditioned Nightmare and the like).

That Remarkable Man is yet another fine example of the guitar talents of Ben Craven and Revenge Of Dr Komodo a spring but effective example of how would sound the Stray Cats when the musicians’ market in June the trio bought a Hammond organ player features and enrolled to Prog Rock championship. That the delicate Mortal Remains ultimately dictated by the piano, he closed with ethereal beauty. Stating that Last Chance To Hear is a miraculous example of how you can dress with classic style clothing, almost antique elegance, and in 2016 to arouse the admiration of those who, looking around without bias, are able to appreciate the beauty and innate class .

Original text:

HAMMOND ME UP, SCOTTY

Last Chance To Hear
Ben Craven
Progressive
29 3 2016
CD
Australia
TuneLeak records DC1011
46:12

 

Il ritorno al futuro di Ben Craven, australiano di Brisbane che si definisce “cantante-autore di progressive rock cinematico”. E capacissimo chitarrista, omette. Ritorno al futuro perché siamo al cospetto del classico – sebbene poco frequente – caso di chi interpreta il progressive rock con un approccio se volete superato, ma con una passione – traboccante vero amore per il genere – così sincera da lasciare di stucco, emozionare e dunque darti modo di chiudere non un occhio ma entrambi: se si predilige – come faccio io – che una definizione – la iattura dell’etichettatura musicale – si presti al futuribile aggiornamento, come si trattasse della release di un software.

Ammetto che di primo acchito il lavoro grafico dietro al nome, quel Ben Craven così personalizzato che  compare sulle copertine, opera di Roger Dean, mette in allarme. Perché è come lo stemma araldico di appartenenza a un casato. Una dichiarazione di intenti che fortunatamente si ferma, e offre altra prospettiva, non appena superato il ponte levatoio che schiude orizzonti più vasti di quelli strettamente legati agli Yes – i cui riferimenti non mancano – e del progressive connesso al lavoro svolto da Dean per band come per Badger, Asia, Greenslade, Osibisa, etc.
In parole povere, Ben Craven confeziona sorprese che vanno al di là dei nomi ai quali è legato l’illustratore a doppio filo ed eterna cucitura.

C’è quel “cinematico”, soprattutto, che si inserisce in modo determinante e arricchisce lo scenario. A conferire  a Last Chance To Hear proprio la forza delle migliori colonne sonore. Un modo di fare musica che erroneamente viene considerato da serie inferiore. Ma nel caso dei miglior esempi non solo serve ad amplificare la forza delle immagini, ma funziona indipendentemente, perpetuando le icone e innescando nuove visioni.

Per suffragare le tesi basta puntare il dito sul brano mediano e fulcro dell’intero lavoro, Spy In The Sky Pt.3, battezzato in modo impeccabile perché ha il sapore del tema principale che potrebbe accompagnare una Space Opera degna dei primi 3 episodi di Guerre Stellari, con una piccola variante però, James Bond come co-pilota del Millennium Falcon al posto di Chewbecca.
Forza ed eleganza sullo stesso sedile, al fianco di Han Solo. Oltre 8 minuti che trasmettono quel senso di appagamento, misto a estasi da puro divertimento, che può offrire una trilogia come quella di George Lucas per ogni singolo episodio, di quelle che riescono raramente e si tramandano per generazioni. Ma in musica.
Non bastasse il reiterato senso di godimento che offrono le note e la struttura del brano, cosmicamente solare, ipertroficamente orchestrale, con una melodia da mandare in brodo di giuggiole intersecata da una miriade di soli dello stesso livello, la voce – il sigillo che  si presta a rendere il brano e l’intero disco quanto mai cinematicamente da Oscar – è quella di William “Captain Kirk” Shatner: nuda, cruda, profonda, a tratti oltraggiosa come quella di un beatnik alla deriva nello spazio che se ne frega del destino che lo attende e continua a recitare versi beat sullo sfondo del cielo puntinato da miliardi di stelle.
Sorpresa più bella Ben Craven non poteva escogitare, se pensava di fare un regalo alla generazione  di quelli cresciuti a panini al latte con burro e marmellata nel pomeriggio, Star Trek – l’originale, direbbe Aldo “Captain Trial” Biscardi  – la notte tardi su canali TV improbabili, e dischi impreziositi dall’arte di Roger Dean ma soprattutto di altri. In tre fasi della vita differenti, si spera.

Non ci sarebbe bisogno di aggiungere altro. Un brano che vale il prezzo del biglietto. Ma per i San Tommaso che non si fidano, ai quali non basta sapere di un solo pezzo – che potrebbe essere il nuovo Starship Trooper, benché gli attuali Yes non riuscirebbero a scrivere qualcosa di simile nemmeno imbottiti di Ovomaltina, per restare a un ‘doping’ da Nostalgia (Twilight) Zone -, cosa dire del resto di Last Chance To Hear? Che Spy In The Sky Pt. 2, insieme alla elettro-acustica melodiosità di  Spy In The Sky Pt. 1, e alla già incensata Spy In The Sky Pt .3, accumula un minutaggio – e la qualità – degna di una suite che negli anni d’oro del vinile bastava a coprire un’intera facciata  di quei dischi che a quaranta anni di distanza, ancora oggi, si ascoltano con piacere e con affetto.

Che Last Chance To Hear Pt. 1 è una apertura da colossal e Last Chance To Hear Pt. 2 innesta la prima marcia con la delicatezza emotiva di Ripples dei Genesis e scaldato i motori si lancia in una corsa forsennata che ricorda i Porcupine Tree sospinti da un motore turbo. Che Critical Mass Pt. 1 e Critical Mass Pt. 2 sono un film nel film, o una colonna sonora nella colonna sonora, che rimanda agli episodi più cinematici di Steve Hackett (Clocks, Slogans, The Air-Conditioned Nightmare et similia).

Che Remarkable Man è l’ennesimo bell’esempio delle doti chitarristiche di Ben Craven e Revenge Of Dr Komodo un balzano ma efficace esempio di come suonerebbero gli Stray Cats se al mercato dei musicisti di giugno il trio comprasse un organista dotato di Hammond e si iscrivesse al campionato di Prog Rock. Che la delicata Mortal Remains, infine, dettata dal pianoforte, chiude con eterea bellezza. Sancendo che Last Chance To Hear è un miracoloso esempio di come si possa vestire con abiti di foggia classica, di quasi antica eleganza, e nel 2016 destare l’ammirazione di chi, guardandosi attorno senza pregiudizi, sa ancora apprezzare il bello e la classe innata.